Close

25 gennaio 2011

Virginia Busato – ” Come vendere il riso ai cinesi “

Per la recensione di questo testo, credo che la persona più adatta sia la nostra collega Virginia Busato a cui lascio ogni opportuna introduzione .

MR

One Comment on “Virginia Busato – ” Come vendere il riso ai cinesi “

Virginia Busato
31 gennaio 2011 a 14:28

La Cina fa parte della vostra strategia commerciale?
No.
E perchè no?
Perchè è lontana, perchè ho fatto una fiera e non ho avuto alcun ritorno, perchè sui cinesi si sente di tutto e io non mi fido, perchè usano una lingua incomprensibile, perchè mi copiano il prodotto.
Perchè approcciare la Cina è troppo complicato senza un aiuto e non so da dove cominciare.

Questo Paese rappresenta una sfida estremamente impegnativa per una PMI, sarebbe ipocrita negarlo, ma adottando un piano d’azione ben strutturato e creato su misura per le peculiarità di questo mercato è possibile muoversi con cognizione di causa spendendo in maniera oculata tempo, energie e denaro.

Il marketing interculturale è in grado di supportare imprenditori e managers nella creazione di un brand davvero globale, necessario se si vuole costruire una strategia di mercato a lungo termine in Cina, e di guidare nell’individuazione del giusto target attraverso valutazioni di tipo geografico, socio-demografico, psicografico e comportamentale.
Fornisce indicazioni sulla consapevolezza dei consumatori e sulle componenti di costo da prendere in esame per determinare un prezzo di vendita; aiuta a capire il media ideale per promuovere i propri prodotti e servizi, chiarisce che in certe zone la radio è più diffusa della televisione, e che, in determinati contesti, la sponsorizzazione di un evento può avere più risonanza di una pagina pubblicitaria su un giornale.
Il marketing interculturale scandaglia i canali specifici del Paese ed individua quelli maggiormente funzionali alle esigenze della vostra azienda.

Non fate l’errore di basare le vostre scelte su supposizioni, pregiudizi o informazioni di seconda mano senza verificarne la fonte, la credibilità e soprattutto il livello di aggiornamento, e non improvvisate una strategia affidandovi a ciò che avete appreso lavorando con altre realtà: in un Paese come la Cina questo può far naufragare anche il miglior dei business.

Ricordate cosa diceva Einstein: “Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocare meglio di chiunque altro.”

E se avete avuto esperienze dirette con la Cina sarò felice se vorrete raccontarmele, la condivisione e la cooperazione rappresentano il modo vincente per affrontare un sfida così grande, perciò scriveteci!

Virginia Busato
virgibusato@hotmail.com

Rispondi