Close

5 gennaio 2012

Come parlate ai vostri clienti dei vostri concorrenti?

Dalle Discussioni su LinkedIn. discussione di Lorenzo Cavalieri, Milan Area, Italy.

” Parlarne bene comunque? Parlarne male comunque? Non parlarne affatto? ”

3 Comments on “Come parlate ai vostri clienti dei vostri concorrenti?

Andrea
7 gennaio 2012 a 17:35

Parlarne solo quando è assolutamente inevitabile.
Bene o male non importa: dipende dal cliente che si ha di fronte.
Se proprio se ne parla male, meglio farlo avendo numeri, casi, dati di terzi: ovvio il motivo.
In più ricordiamoci di una cosa: oggi parliamo male di un concorrente e poi, in un futuro, per una dei tanti casi della vita, si finisce per andare a lavorarci: che cosa raccontiamo allora agli stessi clienti che ci hanno visto cambiare bandiera se in precedenza abbiamo sparlato e straparlato della concorrenza?

Marco
7 gennaio 2012 a 17:49

Vero Andrea, mai denigrare il piatto in cui si è mangiato. E’ una regola semplice, basilare, ma che molti , troppo spesso dimenticano. E’ quanto mai difficile evitare di fare riferimento alla concorrenza durante un contatto con il cliente, molto spesso è lo stesso cliente che ci attira su questo terreno, per confrontare o capire chi ha davanti e quanto effettivamente siamo preparati o per sondare di che pasta siamo fatti, chi si fida di uno che parla male di altri? Sono molte le variabili in gioco, in questa fase della relazione cliente venditore, un buon equilibrio si affina con il tempo e con gli inevitabili errori.

benedetto speranza
23 gennaio 2012 a 06:50

Fare pubblicità comparativa é importante, basta conoscere bene la concorrenza per poter agganciare un argomento a nostro favore. Parlarne male può irritare il cliente e magari renderlo sterile al prossimo incontro.

Rispondi