Close

25 febbraio 2012

Venditori, consulenti, agenti, a quanto pare il profilo commerciale è il più ricercato dalle aziende, ma è proprio così?

Dalle Discussioni del gruppo su LinkedIn , discussione di Kocis Urso , Bologna Area Italy.

” Da circa un paio di mesi sono alla ricerca di una nuova occupazione e sfogliando annunci economici online e cartacei sembra quasi che le offerte per lavori “commerciali” siano infinite, che la crisi è solo un’invenzione e che a casa rimane solo chi non ha voglia di lavorare. Agenzie di telecomunicazioni, di energia, di fotovoltaico e via dicendo ricercano costantemente personale, anche alla prima esperienza lavorativa. Bene ho 35 anni ed ho sempre lavorato come dipendente tranne una breve esperienza come consulente telefonico e pur di non rimanere a casa ho provato a rimettemi in gioco valutando offerte di lavoro anche nel campo commerciale, settore nel quale mi piacerebbe lavorare perchè ritengo di avere la giusta determinazione e motivazione.
Nella totalità dei casi mi è stata chiesta la disponibilità a muovermi con la mia auto di proprietà, mi è stato chiesto di utilizzare il mio telefono cellulare, mi è stato detto che non era previsto alcun rimborso spesa e nessun fisso e non mi è stato garantito alcun portafoglio clienti nè alcun appuntamente prefissato, la formazione ovviamente si doveva fare sul campo senza la frequenza di alcun corso. Ora quello che mi chiedo è, come faccio ad imparare questo mestiere se per i primi mesi è certo che ci rimetterò soltanto tanti soldi?Cosa rischia l’azienda se alla fine le spese vive sono tutte sulle mie spalle?La risposta che mi sono dato è che queste non sono vere offerte di lavoro, ma soltanto specchi per le allodole che servono a portare all’aziende nuovi contatti ed a scaricare completamente i costi sul povero “venditore”. Chiedo consiglio a chi ha più esperienza di me in questo settore, che ne pensate? “

Rispondi